feb 282011
 

http://www3.lastampa.it/i-tuoi-diritti/sezioni/consumatore/news/articolo/lstp/390643/

Risarcimento per chi è stato costretto a studiare o a lavorare in aule dove il numero degli alunni supera i limiti legali. Lo ha stabilito il Tar Lazio, con la sentenza  552/2011, accogliendo il ricorso proposto da un’associazione di consumatori.

 
Il caso
A seguito del recente fenomeno del sovraffollamento di svariati istituti scolastici pubblici, dove in diverse aule il numero degli studenti si aggira intorno alle 35-40 unità, il Codacons ha presentato ricorso al TAR, attraverso una class action proposta contro il Ministero dell’Istruzione e quello dell’Economia e delle Finanze.
I giudici di merito hanno in primo luogo osservato come l’“azione di classe” sia un mezzo idoneo a sollevare la questione relativa al sovraffollamento delle scuole pubbliche. Non solo. I giudici amministrativi, ravvisando l’inerzia dei Ministeri nel predisporre il piano di intervento sugli edifici scolastici pubblici, hanno anche condannato entrambe le Amministrazioni a provvedervi entro 120 giorni.
Infine, il Tribunale Amministrativo ha dichiarato che alunni e genitori, i cui figli sono stati costretti a studiare nelle cosidette “aule pollaio”, potranno chiedere un risarcimento fino a euro 2500 per danno esistenziale.

 Lascia un commento

(richiesto)

(richiesto)

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>